Attualità

Incendio nella discarica di Vetrano: Il commento di Legambiente

Legambiente Calabria chiede  alle Forze dell’ordine di fare chiarezza sulle cause dell’incendio che ha interessato la discarica pubblica di località Vetrano nel comune di San Giovanni in Fiore verificando, in particolare, se la discarica era nelle condizioni di sicurezza e di vigilanza prescritte e se i rifiuti stoccati erano abbancati secondo le capacità ed i codici Ateco previsti per la discarica. 

Da anni l’Associazione ambientalista, chiede la chiusura immediata della discarica poiché i continui sovralzi ed i successivi nuovi abbancamenti dei rifiuti effettuati del fallito Consorzio Valle Crati, autorizzati dalla Regione con l’assenso dei sindaci di San Giovanni in Fiore e dei rappresentanti dell’ATO1 di Cosenza, hanno reso la struttura dei versanti insicura e instabile. 

“Giova ricordare”, dichiara il presidente del Circolo “Sila” di Legambiente Antonio Nicoletti, “che la discarica di località Vetrano è posta in una Zona di protezione speciale  (ZPS IT9320302 Marchesato e Fiume Neto) e, pertanto, in un sito sottoposto a vincoli ambientali che derivano da una direttiva europea sulla tutela della biodiversità e l’avifauna, e che recentemente è stata oggetto di una polemica tra la Regione, che ne ha decretata la riapertura per il conferimento di circa 40mila tonnellate di rifiuti per superare l’ennesima emergenza regionale, nonostante i gestori della stessa  ne abbiano pubblicamente dichiarato l’ inadeguatezza.” 

L’associazione ambientalista auspica che vengano svolte indagini approfondite sulle cause dell’incendio ed effettuata  una inchiesta severa da parte della magistratura per accertare le modalità di gestione di un bene pubblico utilizzato  per troppo tempo per fini privati da un coacervo di interessi  imprenditoriali. 

“Legambiente Calabria”, afferma la Presidente regionale Anna Parretta, “si costituirà parte civile nel relativo procedimento giudiziario che speriamo individui, a partire dalle modalità di affidamento della discarica,  i responsabili di quanto accaduto, accertando in maniera rigorosa ogni eventuale illegittimità o mancanza di trasparenza nella  gestione del bene pubblico che possa avere creato danni economici alle casse del Comune di San Giovanni in Fiore e nocumento all’ambiente ed alla salute dei cittadini.”

Condividi

Articoli recenti

Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Un successo sotto tutti i punti di vista. La III edizione del Concerto teatrale del…

19 Maggio 2022
Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Il Circolo Legambiente “Valle Tacina” di Petilia Policastro ha organizzato domenica 15 maggio, nella frazione…

17 Maggio 2022
Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Lo scorso sabato a San Mauro Marchesato è stato inaugurato l'auditorium comunale, dopo la recente…

13 Maggio 2022
Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Nella Casa Comunale di Petilia Policastro negli scorsi giorni si sono riuniti il sindaco Simone…

11 Maggio 2022
Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro, coadiuvati da quelli…

8 Maggio 2022
San Mauro Marchesato: Intitolazione Auditorium Dino Vitale

San Mauro Marchesato: Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Questo pomeriggio, alle ore 18, a San Mauro Marchesato si svolgerà la cerimonia d'intitolazione allo…

7 Maggio 2022