Un incredibile reperto archeologico emerge dai fondali di un lago in Calabria

Un incredibile reperto archeologico emerge dai fondali di un lago in Calabria

E’ una statua di bronzo quella rinvenuta in modo del tutto straordinario sul letto del bacino artificiale del lago Angitola in provincia di Vibo Valentia, che, a causa del ritiro da siccità ha permesso al Sig. Vito Ruscio, 47enne di Monterosso, che si trovava nei pressi del lago insieme al figlio, di individuare la sagoma di una bellissima statua rappresentante una figura femminile in bronzo, di cui si è subito potuto stimare l’essere un’opera prestigiosa e in un ottimo stato di conservazione.

Il valore attuale dell’opera raggiunge i 10mila euro ma ancora bisogna aspettare gli esiti di esami più approfonditi per stimare in maniera adeguata il nuovo ritrovamento.

Ad intervenire nell’immediato sono stati i vigili del fuoco che con tecniche fluvio-alluvionali hanno rapidamente recuperato l’opera a seguito della segnalazione fatta dai due uomini.

Sul basamento della statua è presente la firma “A.P.” e non è da escludere l’idea che possa appartenere a una collezione privata. I carabinieri nel frattempo hanno già avviato le indagini per capire se si tratta di un’opera trafugata o meno.

Giuseppe

Giuseppe