Consegnato encomio ai Vigili del Fuoco dal Comune petilino

Consegnato encomio ai Vigili del Fuoco dal Comune petilino
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stato consegnato nella Casa Comunale di via Dante Alighieri un encomio ai Vigili del Fuoco. A ritirarlo il Comandante Provinciale Pier Nicola Dadone accompagnato dall’Ispettore esperto Antincendio Claudio Cavallini e dal Capo Reparto Distaccamento di Petilia Policastro, Giuseppe Ierardi. Erano presenti inoltre il Vice Sindaco, Franca Costanzo, l’Assessore Vanessa Garibaldi, Il presidente del Consiglio Francesco Schipani e la capogruppo di Maggioranza, Paola Carvelli, ed i dirigenti Rosaria Mannarino, Franco Trovato, Sebastiano Rocca ed il Vigile Urbano, Piero Lucente.

Il primo cittadino, Amedeo Nicolazzi prima di consegnare l’encomio ha voluto esprimere il  dolore, il cordoglio e la vicinanza al Corpo dei Vigili del Fuoco, per i tre vigili del fuoco morti l’altra notte nell’esplosione di una palazzina in provincia di Alessandria, mentre facevano il loro lavoro al servizio della sicurezza di tutti noi. Perdere la vita nell’adempimento delle proprie funzioni mentre si stanno aiutando gli altri definisce quelli che sono oggi i veri eroi della nostra società. 

Ho  voluto riconoscere insieme alla Giunta l’encomio con delibera di Giunta n.7 del 24.01.2019 per la grande attività svolta dai Vigili del Fuoco nell’ottobre del 2018 durante gli eventi alluvionali che hanno interessato il territorio petilino, durante i quali la grande professionalità dei Vigili del Fuoco ha permesso di  trarre in salvo numerose persone bloccate con le auto per la forte pioggia caduta in quei giorni. Il Sindaco li ha ringraziati ulteriormente per aver operato con competenza, abnegazione e onore per la salvaguardia dell’incolumità dei cittadini in spregio a qualsiasi pericolo e ha consegnato nelle mani del Comandante Provinciale l’encomio solenne “per l’impegno profuso ed i risultati conseguiti durante gli eventi alluvionali dell’ottobre 2018, mirato alla salavaguardia ed alla tutela della comunità pubblica, riconoscendone l’alto valore sociale in termine di sicurezza e di lavoro svolto con dedizione e professionalità da parte di ogni singolo appartenente al Corpo.”