Categorie: Cronaca

Una telefonata ti salva la vita

NULL

NULL

Come recitava un antico spot televisivo “una telefonata può salvarti la vita”: è quello che è successo a Giuseppe Rizzuti, classe ’81, partito il 16 dicembre per andare a lavorare in Libia e che nei giorni scorsi è riuscito a scampare un rapimento nel quale sono caduti due suoi colleghi. Giuseppe lavora per la ditta General work e con i suoi due colleghi, che purtroppo sono stati rapiti, si stava recando sul luogo del lavoro quando ha ricevuto una telefonata da un suo collega affinché tornasse indietro per guidare un escavatore e raggiungere gli altri due a bordo di un furgone. Quando Giuseppe è arrivato sul posto ha trovato il furgone vuoto e se non avesse ricevuto quella telefonata anche lui sarebbe a quest’ora nelle mani dei rapitori. Invece da quello che ha riferito il padre, Francesco Rizzuti, il giovane sta bene, anche se non ha fatto sapere quando potrà rientrare, infatti sembrerebbe che debba restare a disposizione della polizia per le indagini del caso. Tanta tensione aveva travolta la famiglia di Giuseppe, come racconta il padre, «Non è stata la ditta ad informarci, ma abbiamo appreso la notizia dalla tv, abbiamo sentito i nomi dei colleghi di mio figlio e ci siamo allarmati perché non riuscivamo a metterci in contatto con mio figlio». Da Petilia erano giorni che non riuscivano a mettersi in contatto con lui non avendo nessuna notizia, è così che il padre ha deciso di rivolgersi al sindaco, Amedeo Nicolazzi, che prontamente ha contattato la compagnia dei carabinieri e in sinergia con il capitano Claudio Martino è riuscito a far mettere in contatto Giuseppe con la famiglia. «A nome dell’amministrazione comunale mi sono messo a disposizione della famiglia del giovane per qualsiasi cosa» ha affermato il sindaco Nicolazzi che ha approfittato dell’occasione per ricordare che «Petilia non è la città di Lea Garofalo, ma è la città dei minatori, come Pietro Mirabelli, e di tutti quei lavoratori come Giuseppe che si danno da fare per la propria famiglia». La storia di Giuseppe fa comprendere come sia difficile trovare lavoro in questi periodi e come spesso e volentieri l’alternativa è quella di partire per posti molto lontani e a volte pericolosi per cifre nemmeno tanto alte, lasciando come Giuseppe compagna e due figli molto piccoli ad aspettarlo.

Condividi

Articoli recenti

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Catanzaro nei giorni scorsi ha consegnato alla Dirigente Scolastica, la Prof.…

20 Maggio 2022
Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Un successo sotto tutti i punti di vista. La III edizione del Concerto teatrale del…

19 Maggio 2022
Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Il Circolo Legambiente “Valle Tacina” di Petilia Policastro ha organizzato domenica 15 maggio, nella frazione…

17 Maggio 2022
Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Lo scorso sabato a San Mauro Marchesato è stato inaugurato l'auditorium comunale, dopo la recente…

13 Maggio 2022
Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Nella Casa Comunale di Petilia Policastro negli scorsi giorni si sono riuniti il sindaco Simone…

11 Maggio 2022
Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro, coadiuvati da quelli…

8 Maggio 2022