Nicolazzi: Più Petilia istiga i cittadini a non pagare i tributi

Nicolazzi: Più Petilia istiga i cittadini a non pagare i tributi

Il sindaco Amdeo Nicolazzi con una nota stampa rimprovera al gruppo di minoranza Più Petilia di istigare i cittadini a non pagare le tasse inerenti al servizio idrico “Sento la necessità di rivolgermi alla cittadinanza tutta per fare chiarezza sulle vicende inerenti le problematiche idriche. È evidente che il gruppo di minoranza intende, confondendo le acque, accreditarsi i risultati raggiunti da noi come è facilmente dimostrabile dai fatti. Questo mio intervento riguarda l’istigazione compiuta dal gruppo di minoranza “Più Petilia” verso la cittadinanza a non pagare parte dei tributi. L’invito, certamente dovuto da un certo basso populismo, potrebbe avere delle conseguenze poco piacevoli. Ricordo, infatti, agli stessi Consiglieri che non pagare le tasse significa accrescere i problemi della nostra Comunità. Scrivo direttamente a voi cittadini, dopo essermi confrontato con la Congesi relativamente all’istigazione che si configura come un vero e proprio reato, abbiamo deciso che se nell’annualità in corso si registrerà una diminuzione delle entrate sui tributi del servizio idrico integrato – il dato ultimo è quello contenuto nel manifesto della Congesi: € 314.968,89 – non potremo che ritenere il gruppo di minoranza “Più Petilia” responsabile, almeno dal punto di vista morale, del mancato incasso da parte della Congesi e dovrò costituirmi in giudizio, insieme alla stessa Società, al fine di tutelare gli interessi della nostra Comunità”.

Giuseppe

Giuseppe