Intimidazioni a Salerno e 25 alberi tagliati: Legambiente esprime solidarietà e condanna il vile atto

Intimidazioni a Salerno e 25 alberi tagliati: Legambiente esprime solidarietà e condanna il vile atto

Si esprime solidarietà da diverse realtà a Massimo Salerno, Comandante della Stazione Parco Sila dei Carabinieri di Cotronei, per il vile atto intimidatorio subito lo scorso 30 gennaio. Ignoti, infatti, sulla Sp61 hanno tagliato 25 alberi ostruendo la strada nei pressi del villaggio Ndaj e scrivendo sui tronchi tagliati e a terra messaggi intimidatori contro il Comandante.
Tra le associazioni e le realtà che esprimono solidarietà, prima fra tutte Legambiente Calabria e i Circoli locali che indignati per il vile crimine esprimono il loro sostegno a Salerno. “È con rabbia e sdegno – si legge in un comunicato di Legambiente – che l’Associazione ambientalista si rivolge agli autori di tale gesto assicurando al Comandante il sostegno nelle attività di vigilanza e repressione in materia di tagli boschivi abusivi. Oltre alle minacce di morte, si è compiuto anche un grave scempio ambientale che ci auguriamo venga condannato.
Fiduciosi che Forze dell’ordine e Magistratura facciano al più presto luce su quanto accaduto, siamo certi che il Comandante Salerno continuerà con determinazione il suo impegno in favore del suo territorio contro ogni logica criminale, violenta e parassita”.

Giuseppe

Giuseppe