Calabrese è una delle spiagge più belle premiate da Legambiente

Calabrese è una delle spiagge più belle premiate da Legambiente

Legambiente, ha premiato una spiaggia calabrese come una delle undici spiagge più belle della penisola.
La spiaggia in questione è sovrastata da un capo, chiamato un tempo Zefirio, ovvero Capo Bruzzano.
A Capo Bruzzano, spiaggia estesa ed incontaminata, incastonata da una splendida scogliera, caratterizzata da un vasto arenile costellato da fiori di mille colori e dalle formazioni rocciose della scogliera curiosamente scolpite.
Posto sull’argine destro della fiumara La Verde, nel territorio del comune di Bianco(Rc), il promontorio, su cui si ergono i resti di una torre di avvistamento cinquecentesca, era denominato nell’antichità Zefirio (dal greco “Zephirion Akron”, cioè Capo Zefirio) poiché proteggeva l’ampia insenatura dall’omonimo vento che soffia da occidente.
Raggiungibile percorrendo da Bianco(Rc) per circa 5 chilometri la Statale ionica 106 (E90), la spiaggia sottostante il capo, è ancora del tutto ignota al turismo di massa.
Ha una moltitudine di scogli e falesie, a contornare una spiaggia talvolta sabbiosa talvolta caratterizzata da ciottoli, scenograficamente ornata da formazioni rocciose modellate dai venti e dalle acque.
Dalla sommità del capo, che sovrasta la costa di ben 90 m., lo sguardo può abbracciare l’ampia distesa di sabbia che, intervallata da formazioni rocciose, si divide in due estese spiagge: l’una è contraddistinta, infatti, da un ampio arenile sabbioso sul quale si elevano dune; l’altra, invece, è quasi del tutto rocciosa, tanto da formare un sorta di tavolato di scogli quasi a pelo d’acqua, con pozze (da cui il nome di “scogliera delle pozze”) che costituiscono l’habitat ideale per varie specie di pesci.
In questa zona prosperano ampie praterie di Posidonia Oceanica a ricoprire la scogliera sottostante, ottimo rifugio, coi i suoi numerosi anfratti, di una ricchissima fauna ittica.

Giuseppe

Giuseppe