Categorie: Ambiente

SORPRESI AGRICOLTORI CHE INCENDIAVANO CUMULI DI RIFIUTI

Smaltivano i contenitori in polistirolo per piantine dandogli fuoco

Isola Capo Rizzuto, 28 ottobre 2014. Gli agenti del Corpo forestale dello Stato, nei giorni scorsi, hanno denunciato due agricoltori che avevano bruciato cumuli di rifiuti, residui di attività agricole. I forestali sono stati attirati dalla presenza del fumo nero prodotto dalla combustione di polistirolo e sacchi di plastica in loc. Suvereto di Isola Capo Rizzuto.

Una pattuglia di forestali in perlustrazione nelle campagne di Isola Capo Rizzuto nella località Suvereto ha notato alcune fumate nere, segno tangibile della combustione di rifiuti. Effettivamente sul posto gli agenti hanno individuato NC, un agricoltore del luogo di 57 anni che aveva pensato di distruggere con il fuoco contenitori in polistirolo per piantine. Dopo gli accertamenti rituali il responsabile è stato segnalato all’Autorità giudiziaria per combustione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.
Nella stessa serata è stato individuato e denunciato per lo stesso reato NN, un uomo 41 anni, residente in Lombardia, ma domiciliato a Isola Capo Rizzuto.
Il reato di combustione illecita di rifiuti speciali è stato introdotto proprio per arginare un fenomeno molto diffuso nel territorio. La condotta è sanzionata severamente dal cosiddetto testo unico ambientale. Oltre al rischio di provocare incendi nel territorio la combustione di rifiuti può avere gravi riflessi per la salute umana. La combustione dei materiali plastici, infatti, produce il rilascio nell’ambiente di diossine, una classe di composti chimici molto tossici per gli animali e l’uomo. Esse sono ritenute uno dei più potenti veleni conosciuti e sono cancerogeni. Sono poco volatili e scarsamente o nulla solubili in acqua. Sono, tuttavia, solubili nei grassi dove tendono ad accumularsi. Per la loro tendenza ad accumularsi nei tessuti viventi, anche un’esposizione prolungata a livelli minimi può arrecare danni. La contaminazione dell’ambiente per mezzo delle diossine deve, pertanto, essere evitata con ogni cura. L’azione degli agenti forestali, quindi, è volta oltre che alla prevenzione degli incendi, anche alla salvaguardia dell’ambiente dall’inquinamento.

Condividi

Articoli recenti

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Catanzaro nei giorni scorsi ha consegnato alla Dirigente Scolastica, la Prof.…

20 Maggio 2022
Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Un successo sotto tutti i punti di vista. La III edizione del Concerto teatrale del…

19 Maggio 2022
Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Il Circolo Legambiente “Valle Tacina” di Petilia Policastro ha organizzato domenica 15 maggio, nella frazione…

17 Maggio 2022
Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Lo scorso sabato a San Mauro Marchesato è stato inaugurato l'auditorium comunale, dopo la recente…

13 Maggio 2022
Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Nella Casa Comunale di Petilia Policastro negli scorsi giorni si sono riuniti il sindaco Simone…

11 Maggio 2022
Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro, coadiuvati da quelli…

8 Maggio 2022