Categorie: Ambiente

Scoperta una cava abusiva e altri illeciti ambientali

Gli agenti del Corpo forestale hanno denunciato il presunto responsabile

Gli agenti del Corpo forestale dello Stato hanno scoperto una cava abusiva e altri illeciti ambientali a Rocca di Neto. Il presunto responsabile, nei giorni appena scorsi, è stato individuato e segnalato all’autorità giudiziaria.

I forestali nel corso di un’attività di controllo del territorio disposta dal Comando provinciale Crotone per contrastare l’escavazione illegale di materiale litoide hanno scoperto, nei giorni appena scorsi, nella loc. Cupone del comune di Rocca di Neto una cava abusiva. L’escavazione interessava un’area di circa 1000 m2 all’interno di uno scolo naturale delle acque. In seguito ad indagini gli agenti del Corpo forestale sono risaliti al presunto responsabile, AC un operaio cinquantacinquenne di Rocca di Neto. Le sue argomentazioni volte a spiegare la regolarità dell’intervento, infatti, sono subito apparse contraddittorie. L’area risulta di proprietà del comune di Rocca di Neto.
I forestali hanno constatato che era stata distrutta la macchia mediterranea, costituente bosco, già esistente nel sito. Sono state integrate una serie di illegalità che comprendono l’esercizio abusivo di cava e quindi il furto essendo la proprietà comunale, l’invasione di terreno, la violazione delle norme edilizie e paesaggistiche, insieme ad altri reati. È stato realizzato, senza alcun titolo abilitativo, un capannone avente una pianta di 74 m x 6 m. L’area, peraltro, rientra nella perimetrazione della zona di protezione speciale (ZPS) Alto Marchesato e fiume Neto, equiparata ad area protetta. È inverosimile che tutte tali attività siano stati poste in essere da un solo individuo, per cui continuano le indagini volte a far emergere ulteriori responsabilità.
Più che l’intraprendenza o la tracotanza del presunto responsabile colpisce che nessuna persona abbia segnalato al comune o anche alle Forze di polizia l’esistenza di abusi. Fra l’altro sono state interessate dagli scavi illegali alcune pendici mettendo a rischio la stabilità delle stesse.
L’attività svolta dai forestali ha consentito di porre freno ad un’attività illecita molto diffusa nel territorio, con riflessi negativi sull’assetto idrogeologico. Sono in corso indagini ulteriori volte a far emergere altre illegalità.

Condividi

Articoli recenti

Studenti Unical e del Ciliberto al Campus Antimafia di Scampia

Studenti Unical e del Ciliberto al Campus Antimafia di Scampia

Sono 40 i ragazzi calabresi che parteciperanno in questo fine settimana (27-29 maggio 2022) al…

26 Maggio 2022
Aggregazione tra Comuni: Petilia, Cutro e Mesoraca

Aggregazione tra Comuni: Petilia, Cutro e Mesoraca

I Comuni di Petilia Policastro, Cutro e Mesoraca si sono impegnati formalmente a costituire un'aggregazione.…

26 Maggio 2022
Primo posto per il liceo petilino nel concorso Giovane geologo

Primo posto per il liceo petilino nel concorso Giovane geologo

Il Liceo Scientifico “Raffaele Lombardi Satriani” di Petilia Policastro è risultato il primo classificato ex…

25 Maggio 2022
I ragazzi più meritevoli del Petilino

I ragazzi più meritevoli del Petilino

Nei giorni scorsi presso il Centro congressi Alkmeon si é tenuta la premiazione dei ragazzi…

24 Maggio 2022
Detenzione sostanze stupefacenti: Arrestato a Petilia un 54enne

Detenzione sostanze stupefacenti: Arrestato a Petilia un 54enne

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro, supportati…

23 Maggio 2022
L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Catanzaro nei giorni scorsi ha consegnato alla Dirigente Scolastica, la Prof.…

20 Maggio 2022