Al liceo Borrelli: Lo sport come mappa, progetto di valorizzazione del territorio

Al liceo Borrelli: Lo sport come mappa, progetto di valorizzazione del territorio

Inizierà venerdì 16 marzo presso l’Istituto Omnicomprensivo di Santa Severina, il progetto educativo di
Orienteering che si protrarrà fino alla fine del mese di aprile.
Finanziato dai PON 2014-2020 e suddiviso in quattro moduli, il progetto coinvolge in verticale 90 alunni
delle scuole secondarie di I e II Grado dell’I. O. Borrelli.
L’Orienteering è un’attività sportiva che ha trovato, negli ultimi anni, ampio spazio nella scuola. L’obiettivo
è quello di trasformare qualsiasi ambiente o territorio cartografico in una palestra scolastica, in un’aula
didattica, lo strumento di questo gioco sportivo è, infatti, la mappa, cioè la rappresentazione ridotta e
simbolica della realtà. L’orienteering è uno sport caratterizzato da una gara a cronometro dove i partecipanti
usano una mappa dettagliata per raggiungere i punti di controllo scegliendo il percorso migliore.
Terminate le lezioni teoriche, le gare si svolgeranno in quattro luoghi simbolici dei comuni di Santa
Severina e Roccabernarda: Monte Fuscaldo e il centro storico di Santa Severina, l’ex convento di S.
Francesco di Paola e il centro storico di Roccabernarda.
Il progetto ha voluto puntare infatti, sulla valorizzazione dell’ambiente, del paesaggio naturalistico e della
storia del territorio tramite l’attività ludico-sportiva.
Ulteriore punto di forza del progetto è rappresentato dalla collaborazione con gli Enti locali quali le
Amministrazioni comunali di Santa Severina e Roccabernarda e con la F.I.S.O. (Federazione Italiana Sport
Orientamento) per la realizzazione delle mappe didattiche.
Gli esperti impegnati nel progetto sono: Bernardo Madia, Pietro Miracco, Giuseppe Nicastro e Giuseppe
Belcastro.

Giuseppe

Giuseppe