Categorie: CrotonePolitica

Nuova 106 Crotone -Catanzaro: un silenzio assordante per il consigliere Carcea

Il consigliere provinciale di Crotone, degli Affari Generali e Relazioni Istituzionali, Giuseppe Renato Carcea, con una nota stampa pone l’attenzione sulla nuova SS 106 Crotone-Catanzaro. Il consigliere scrive di un “silenzio assordante” che  “è quello che si avverte dal 9 maggio scorso, giorno in cui, nel quartiere della Cittadella Regionale, è stato presentato dai massimi vertici dell’Anas e dal Presidente della Regione Calabria la proposta di variante al Megalotto 6 e 9 della S.S. 106 Jonica, riguardante il collegamento efficace e veloce tra la città capoluogo della Provincia di Crotone e la città capoluogo di Regione”.
“E questo – si continua a leggere nella nota – dopo la minuziosa e preziosa opera di tessitura istituzionale avviata, a Febbraio dello scorso anno, dall’Amministrazione Provinciale di Crotone, coinvolgendo le Amministrazioni dei Comuni e delle Provincie di Crotone e Catanzaro nel sottoporre, ai propri Consigli, l’adesione alla proposta di nuova S.S. 106 a 4 corsie con spartitraffico che prevede il collegamento tra lo svincolo di Simeri Crichi (CZ) a quello di località Passovecchio a Crotone portando la distanza tra le due città capoluogo a soli 55 Km, percorribili in 30 minuti, con limite di velocità consentito di 110 Km/h.
Un tracciato che attraversa complessivamente 5 comuni della provincia di Crotone (Crotone, Cutro, San Mauro Marchesato, Roccabernarda e Mesoraca) ed altrettanti della provincia di Catanzaro (Catanzaro, Simeri, Cropani, Belcastro e Marcedusa) e che quindi sarà maggiormente accessibile anche dai cittadini dei Comuni pedemontani.
Ad oggi, le 2 Amministrazioni Provinciali e ben 38 Amministrazioni Comunali, comprese quelle delle due città capoluogo, hanno aderito con propria delibera di Consiglio a questa nuova, grande opera che assume, se mai ce ne fosse bisogno, il carattere di urgenza alla luce dei dati di incidentalità e di ciò che purtroppo si può osservare in occasione di ogni evento alluvionale.
Una forza di impatto istituzionale senza precedenti e che vede il prezioso sostengno di Associazioni e Comitati spontanei di cittadini e che per questo merita di ricevere risposte veloci, concrete, e definitive ed il rispetto degli impegni assunti da Anas nel Maggio scorso.
E’ una grande questione che merita un’azione immediata e decisa a tutti i livelli, soprattutto quello governativo nazionale, se non fosse che si discute di S.S. 106, vale a dire la più grande “Strage di Stato” della storia della Repubblica Italiana”.

Condividi

Articoli recenti

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

L’Albero di Falcone al Liceo Scientifico di Petilia Policastro

Il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Catanzaro nei giorni scorsi ha consegnato alla Dirigente Scolastica, la Prof.…

20 Maggio 2022
Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Concluso con successo il Concerto teatrale del Primo Maggio

Un successo sotto tutti i punti di vista. La III edizione del Concerto teatrale del…

19 Maggio 2022
Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Spiagge e Fondali Puliti a Cutro col Circolo Valle Tacina

Il Circolo Legambiente “Valle Tacina” di Petilia Policastro ha organizzato domenica 15 maggio, nella frazione…

17 Maggio 2022
Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Intitolazione Auditorium Dino Vitale

Lo scorso sabato a San Mauro Marchesato è stato inaugurato l'auditorium comunale, dopo la recente…

13 Maggio 2022
Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Il Santuario della Santa Spina diventa di proprietà pubblica

Nella Casa Comunale di Petilia Policastro negli scorsi giorni si sono riuniti il sindaco Simone…

11 Maggio 2022
Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

Mesoraca: Trovato in possesso di un fucile clandestino

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petilia Policastro, coadiuvati da quelli…

8 Maggio 2022