Solidarietà al sindaco Bilotta per l’accaduto di Pasqua

Solidarietà al sindaco Bilotta per l’accaduto di Pasqua

Quello che è accaduto la domenica di Pasqua nel comune di Roccabernarda è davvero preoccupante: il sindaco Nicola Bilotta ha dovuto subire, per mani di vili ignoti, l’ennesimo gesto intimidatorio per il ruolo che riveste. Criminali senza alcuna dignità, senza rispettare un giorno di festa, che per un sindaco, per un uomo, che ha famiglia ha un valore ancora maggiore, hanno lasciato in un sacchetto di plastica due munizioni sul parabrezza della macchina del primo cittadino.
Il fatto è accaduto in piazza Aldo Barbaro, in pieno giorno; le munizioni sono state trovate dal sindaco proprio all’uscita della santa messa. L’Amministrazione comunale di Roccabernarda rispetto a quello che è accaduto non sembra spostarsi di un millimetro, la sua posizione resta ferma e identica a quella espressa già quando si sono verificati i primi atti intimidatori, infatti è stato chiaramente dichiarato che “Chi pensa che abbiamo paura di questi gesti, non ha capito che lotteremo ancora più fermamente nei confronti della mafia. Il tempo sarà galantuomo. Tutti dovranno rispondere davanti alla Legge”.
Inoltre la stessa domenica è stato organizzato in piazza Aldo Barbaro un incontro per esprimere solidarietà al sindaco e a tutta l’Amministrazione e cittadinanza. L’incontro, che ha visto una buona partecipazione, è servito per ribadire il forte contrasto a quella cultura mafiosa che cerca con la violenza di mettere paura a persone per bene.
La Redazione de Il Petilino resta solidale nei confronti del sindaco Bilotta.

Giuseppe